Mandragola

Al Corciano Festival la commedia disillusa che porta in scena i vizi degli uomini all'epoca di Pietro Vannucci

 

di Marco Zuccaccia

Fra gli eventi che il Corciano Festival ha previsto in cartellone, un occhio di riguardo è stato posto alla rappresentazione dell’atteso spettacolo teatrale “La mandragola”, una piece che risale ai tempi del Perugino. Si tratta, infatti, di un testo che, come nel caso di “Mistero buffo”, è un omaggio alla figura di Pietro Vannucci. La drammaturgia e la regia sono state affidate, ancora una volta, a Maurizio Schmidt, in questa occasione non in veste di unica, ma in collaborazione con Claudio De Maglio e Marco Sgrosso che sono anche attori nella stessa commedia.

Lo spettacolo ha avuto luogo a Corciano, in piazza Coragino. Dal lato della chiesa di Santa Maria Assunta è stato posto il palco, dall’altro, in cui si trova il pozzo circolare, sono stati sistemati i musicisti e i costumi che gli attori hanno indossato nei cambi d’abito a spettacolo in corso. Ai fianchi, i posti a sedere per gli spettatori. Si sono venuti così a formare, idealmente, due palcoscenici tra i quali gli attori si sono spostati e uno spazio in cui i protagonisti si sono incontrati per interagire fra loro. Anche le vie di accesso alla piazza sono state parte integrante dello spettacolo: gli attori sono usciti e tornati in scena in un centro storico scenografia naturale della commedia.

Il testo di Machiavelli prevede una canzone iniziale che esordisce con la frase “Perché la vita è brieve e molte son le pene che vivendo e stentando ognun sostiene…” e rappresenta un’anticipazione della sua concezione pessimista della realtà. Nella rappresentazione andata in scena, questa canzone non è stata riproposta. La commedia è iniziata direttamente dal prologo in versi, narrato dalla voce di Eleonora Giovanardi, durante il quale vengono presentati i luoghi, cioè Firenze, i protagonisti, la trama e l‘antefatto: il ritorno da Parigi di Callimaco Guadagni.

La scena iniziale del primo atto, vede Callimaco a colloquio con Siro, suo servitore. Il primo è interpretato da Luca Mammoli, mentre Siro da Eleonora Giovanardi che ha portato una tipica maschera da teatro antico di colore marrone. Nel suo periodo a Parigi, Callimaco ha udito le lodi che un certo Cammillo Calfucci tesse di madonna Lucrezia, moglie di messer Nicia Calfucci. Pur senza averla mai vista, Callimaco racconta che queste sono “laude e di bellezza e di costumi… e in me destò tanto desiderio di vederla che io… mi messi a venire qui”. La figura di Siro, aiutata dalla maschera che indossa, ha un atteggiamento quasi giullaresco. Si muove in modo bizzarro, parla con frasi brevi e parole veloci, ma è un servo fedele: “Io vi sono servitore, e servi non debbono mai domandare e padroni d'alcuna cosa, né cercare alcuno loro fatto… ma debbono servirgli con fede”.

La trama ricorda lo schema delle novelle del Boccaccio in cui tipici sono il raggiro e la beffa ai danni di un marito sprovveduto: Callimaco, assieme a Ligurio (Antonio Gargiulo) trama, infatti, un piano ai danni dei due coniugi, insoddisfatti dal desiderio di avere figli. La figura di Ligurio è quella di un parassita astuto, che utilizza questa dote, facendo ricorso a ragionamento, ironia e doppio senso, per guadagnarsi da vivere. Ed è per motivi economici che si viene a configurare questa collaborazione in cui i due si scoprono addirittura simili: “il tuo sangue si affà al mio”, dice Callimaco.

Ligurio presenta, quindi, Callimaco a Nicia, quale dottore venuto da Parigi. Il linguaggio dello sciocco Nicia, il marito ingannato, è pieno di frasi fatte, aforismi e modi proverbiali; al contrario, quello di Ligurio è sintetico e persuasivo. L’astuzia è legata alle credenze popolari per cui la mandragola, pianta ritenuta magica e con poteri afrodisiaci fin dall’antichità, ha la capacità di intimorire e persuadere i creduloni, se si trova nelle mani di affabulatori, ritenuti però dagli stolti persone competenti.

E’ così, che facendo leva sul fatto che Nicia si senta un uomo fertile e che il problema sia da individuare nella moglie Lucrezia, Callimaco convince lo stesso Nicia a far giacere un uomo con sua moglie, dopo che questa avrà bevuto un infuso di mandragola. Nicia, in un primo momento, non è convinto ma si ricrede una volta persuaso da Ligurio e Callimaco, visto che questo uomo sarà condannato a morte dalla mandragola e che Nicia potrà poi unirsi alla moglie senza alcun “pericolo”.

Con l’aiuto di Frà Timoteo, confessore di Lucrezia, e di Sostrata, madre della giovane che teme che una volta morto l’anziano Nicia, la figlia possa restare sola, Callimaco si finge un garzone e viene così rapito e “costretto” ad unirsi con la ritrosa Lucrezia. Compiuta la beffa, Callimaco rivela la sua identità e il suo amore alla non più ingenua Lucrezia, mentre Nicia, ignaro del raggiro, mostra ai due imbroglioni tutta la sua gratitudine.

In occasione di questa rappresentazione i dipinti del Perugino, utilizzati in tutte le ambientazioni della precedente rappresentazione “Mistero buffo”, sono stati proiettati solo in occasione delle parti in cui Frà Timoteo appare all’interno della propria chiesa, a configurare la sacralità della stessa. Il Perugino aveva fama di ateo, ma era comunque capace di dare pathos religioso alle proprie opere. 

Machiavelli si sofferma a descrivere quel mondo che ai suoi occhi appariva tanto malato e condannato alla rovina perché mal disposto ad accettare cambiamenti correttivi, ironizzando sulla realtà in modo tagliente, ma disilluso. Nonostante questo sfondo, tutt’altro che ottimista, la commedia rimane piacevole e divertente e lascia intravedere il lato giocoso dell’autore.

Attori in scena e relativi personaggi:

Eleonora Giovanardi                                      Narratore, Siro, Lucrezia

Luca Mammoli                                              Calimaco

Antonio Gargiulo                                          Ligurio

Claudio De Maglio                                        Nicia

Marco Sgrosso                                               Frà Timoteo

Pino Menzolini                                              Sostrata

Regia: Maurizio Schmidt, in collaborazione con Claudio De Maglio e Marco Sgrosso

Aiuto Regia: Luca Rodella

Luci e proiezioni: Paolo Latini

Tecnico: Rei Ota

Costumi: Anna Rossi, concessione de la “Nobilissima Parte de Sopra” del Calendimaggio di Assisi

write my paper for me

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi